Grazie Papà.

10 aprile 2018

È mezzanotte e dodici minuti. La Roma ha vinto contro il Barcellona 3 a 0 ed è in semifinale di Champions. Non riesco a dormire, “Nina” dorme accanto a me con il cuscino in faccia per ripararsi dalla luce. Io fisso il telefono poggiato sul comodino perché sto aspettando di esultare con lui. 

Vibra il telefono. Mi alzo e vado sul divano per non disturbare. 

 

– Tato.

– Te stavo a aspetta’.

– E che non lo so?

– L’hai vista?

– Me so’ visto Roma Lecce, te pensi che non me vedo Roma Barca?

– Grazie pa’.

– Ma perché? L’hai capito?

– Che cosa?

– No, niente niente.

– Ti ringraziavo per avermi trasmesso ‘sta cosa. Ieri passeggiavo per via del Corso tornando a casa e abbracciavo persone sconosciute. Un ragazzo in motorino con il padre mi si è accostato in macchina, ha sentito che stavo sentendo la radio, è sceso dal motorino e mi ha stretto fortissimo.

– So’ felice Tato, so’ proprio felice. Però te c’hai qualcosa, me sembra che non sei felice come me.

– Eh, lo so. C’ho un problema.

– Uno solo?

– Dai è una cosa seria pa’.

– Lo so ma io so come Finocchiaro, a me la battuta me piace. Dai scherzo pe’ alleggeri’, lo sai che non ero bono co’ le parole da vivo, figuramose da morto. Fortunatamente te devo scrive e me sento meno sotto pressione, pure se c’ho paura che me cazzi pe’ come scrivo, ma alla fine io sto in paradiso e faccio come me pare 🙂 Che hai fatto? Perché c’hai quaa faccia?

– Boh, dovrei esse felice come non mai, eppure…

– Eppure…

– Niente papà a me me sembra de avecce una spina in mezzo ar petto. Io so’ felice, come oggi che esulto e piango e non penso a niente, poi più cresce la felicità più er core se gonfia e più er core se gonfia più se avvicina alla spina che lo potrebbe fa scoppia’. E allora, quasi inconsciamente, un po’ pe’ sopravvivenza, me autocensuro la gioia. Prima non capivo bene che era ma mo’ ho capito. So’ cambiate le cose da qualche anno, le gioie so’ diverse. Ho capito che io so’ felice fino a che non penso che quella felicità sarebbe tripla se condivisa con te. E allora il pianto de gioia se trasforma e diventa, prima, un po’ rabbia e poi frustrazione che tutte le gioie della vita mia ormai saranno a metà. Quella spina è la mancanza de un padre accanto nei momenti belli de sta vita.

– E allora non hai capito un cazzo. Ma che pensi che stavo qua de notte a scrive a te se te dovevo fa vive le gioie a metà. Ao’ te ce poi crede o no, come del resto non c’ho creduto troppo manco io quanno se n’è annato Tiziano, quanno mi’ sorella stava al decimo anno de battaja contro il cancro e non c’aveva vie d’uscita, io pure non c’ho creduto in quei momenti, ma ieri è pure un po’ merito suo.

– Suo de chi?

– Der gestore.

– De dio?

– Eh va beh chiamalo come te pare.

– A pa’ io non ce credo. Da mo che non ce credo, da mo che ho mollato sta cosa.

– Va beh famo che non esiste, famo che io sto a scrive pe’ finta e te stai a dormi’ e te stai a sogna’ tutto. Però pensace, pensace bene. Sarà merito de quarcuno se tra tanti fiji che ce potevo ave’ c’ho avuto te e tu fratello, se tra tante donne che me ronzavano intorno, (ero un fichetto eh, me venivano tutte appresso) se semo scelti co’ tu’ madre, se tra tutte le squadre avemo scerto la Roma. E pensace, pensace bene. A me er gestore non me sta simpatico ma ieri è stato pe’ ‘n’attimo daa Roma. S’è ricordato che infondo lui è daa Roma da quanno l’hanno lasciato solo sulla croce come un poraccio, da quanno ce magnavano a cena insieme mentre je facevano le scarpe, da quanno ha dovuto fa er miracolo pe fasse vole’ bene. Ecco ieri la Roma ha fatto er miracolo pe’ fasse vole’ bene, pe’ facce scrive a noi, pe’ abbracciasse pe’ strada e pe’ avecce una giornata un po’ più bella de quelle solite giornate demmerda tutte uguali. Pensace eh, pensace bene ma tra tutti quanti hanno segnato proprio quelli che all’andata s’erano fatti l’autorete. Tato non ce crede, però, le coincidenze so’ tante.

– Me voi fa crede che è merito de dio se avemo vinto.

– Mo non s’allargamo. Te volevo solo di’ che ieri er gestore s’è messo la scialletta, e m’ha detto “questa ce l’avevo pure il 25 aprile dell’84, contro il Dundee, l’ho ritrovata oggi, era finita dietro l’armadio”. Non è merito suo, ma s’è ricordato de esse daa Roma.

– E noi?

– E noi semo quelli de sempre, e se volemo bene. Se mancheremo sempre. Me manca il divano, il caffè al bar il giorno dopo una giornata così, il giornale da legge, la sciarpetta la collo, i cori de la sud, l’abbracci co’ te, le telefonate co’ tu fratello, tu madre in cucina pe’ scaramanzia che fa finta de sistema’ i piatti ma se sente la partita. Me manca tutto e me mancherà sempre. Te sbaji, non è una spina, è ‘na spada. Ma non ce potemo fa niente, è così ce dovemo convive e dovemo esse felice de avecceli avuti sti riti, st’abbracci, ste telefonate. E tu devi esse felice perché ieri avemo fatto la storia. Sì va beh non avemo cambiato la storia der monno ma avemo cambiato la storia della Roma, e pe’ noi poveri omini che vivono de gioie piccole, è una cosa grossa. Avemo finarmente visto che la storia se cambia e che dio a volte se ricorda de esse daa Roma. E noi s’abbracciamo Tato, montame sulle spalle e abbracciame, come ha fattoFlorenzi co’ Daniele. Perché noi semo meno soli se s’abbracciamo.

– Vado a lavora’ Carle’. Non m’hai convinto eh, però sei mi’ padre e te credo.

– Tato, ogni volta che sei un po’ triste oggi, pensa a sta cosa. “Voglio solo star con te, voglio vincere e cantar per te, forza forza Roma alè!” E pensa che la stamo a canta’ insieme a via dei gladiatori mentre usciamo dallo stadio in un Roma Bologna qualunque. E pensa che semo fortunati, a prescindere. E che da oggi vicino a Roma Liverpool ce mettemo Roma Barcellona e poi chissà…

– Ce provo! Grazie pa’, davvero.

– Dije a tu’ fratello de smette de piagne.

– Stava a piagne pe’ le stesse cose mie, solo che lui non te le dice 😉

– Ciao Tato.

– Ciao Carle’.

 

p.s. Aò oggi in scena mettete la majetta de la Roma che m’hai regalato, pensame un pochetto eh.

BIG-Florenzi-De-Rossi-Roma-Barcellona-10.04.2018

 

 

Annunci
Grazie Papà.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...