‘Sto monno me fa schifo

5 aprile 2017

Mi sveglio disturbato dopo aver perso il derby dopo che la roma ha vinto il derby di ritorno di Coppa Italia ma è uscita per la differenza reti (cosa lunga e noiosa da spiegare ai non appassionati). Apro Fb e sono pronto a sorridere e farmi il sangue amaro per gli sfottò dei laziali, quando vedo foto di bambini, e pii altre foto di guerra. Siamo abbastanza abituati, purtroppo, ma oggi mi sembra ci sia qualcosa di particolare. Apro un sito da cui mi inforno spesso e leggo:

Beirut, 4 aprile 2017 – Siria sotto choc per un sospetto attacco chimico che ha causato la morte di decine di persone nella provincia di Idlib, controllata dai ribelli. L’Osservatorio nazionale per i diritti umani (Ondus) parla di 35 deceduti, tra cui 9 bambini, tutti vittime di un raid aereo che avrebbe sprigionato “gas tossici” contro la citttadina di Khan Sheikhun. Per l’Osdh, l’Osservatorio siriano, i morti sono 58 (11 bambini).

È tanto che non lo faccio, ma credo sia ora di riscrivere a mio padre.

 

– A Carle’ te disturbo?

– A Tato no però t’ho detto che, scrivendote darparadiso, non posso sta sempre ar telefono co’ te.

– Sì lo so, ma questa è ‘na cosa seria.

– Aspe’ che sto a gioca’ a scopone. Semo io e tu’ zio Giuliano contro tu’ nonno Renato e Sandro Cecchini, stamo a pjia ‘na biata che se la ricordamo.

– A papà è ‘na cosa seria.

– E che te pensi che sta partita non lo è? Ce pjieranno pe’r culo armeno pe’ du’ mesi.

– Aò io so’ incazzato co’ te.

– Co’ me?

– Sì, co’ te.

– E che t’ho fatto a Tato? Lo so, so’ morto e v’ho lasciato da soli, ma nun l’ho fatto apposta. Te lo giuro Tato io ho lottato fino a che potevo, io volevo rimane’ la sotto co’ voi, co’ tu madre co’ ‘sti nipotini che stanno a cresce. Magari poi pensa’ che è colpa mia che me ne so’ annato così all’improviso, ma io nun c’entro niente. Te devo ripete sempre le stesse cose?

– Non per quello papà.

– E allora pe’ che?

– Perché m’hai cojonato.

– A Tato, trattame bene eh. Portame rispetto, so’ sempre tu’ padre, pure se so’ morto. E non te n’approfitta’ che sto quassù e non te posso mena’, io nun t’ho insegnato ‘ste cose. Io c’ho messo tanto ma t’ho insegnato il rispetto.

– Ecco appunto, te m’hai insegnato il rispetto. Te m’hai insegnato che portando rispetto gli altri porteranno rispetto a noi. Che le ingiustizie vanno sempre denunciate, e che davanti a queste dobbiamo lottare. Che l’unione fa la forza e che l’essere umano è un essere intelligente, che lotta e combatte per stare bene.

– Sì, t’ho insegnato questo e so’ fiero se hai capito la lezione.

– Tu una volta mi ha regalato un segnalibro in pelle, con sopra incisa una frase di Che Guevara che diceva: “siate sempre capaci di sentire nel più profondo di voi stessi ogni ingiustizia
commessa contro chiunque in qualsiasi parte del mondo…

– è la qualità più bella di un rivoluzionario. Sì me lo ricordo.

– Ecco allora mi devi spiegare una cosa, tu o il gestore de quel posto do’ stai, derparadiso come lo chiami te, me dovete spiega’ perché ‘sto monno è diventato così brutto, perché l’essere umano non lotta e combatte più? Perché l’omo cerca sempre un capro espiatorio dietro a uno più poraccio de lui pe’ sfoga’  rabbia e frustrazione? Perché? Me devi di’ perché? Perché nun s’aiutamo più, ma arzamo quelle braccia tese demmerda e strillamo “negro vattene” quanno noi potremmo esse’ i negri de domani? Me devi di’ perché te ne sei annato e m’hai lasciato in mezzo a sto monno ‘nfame?

– Ecco, te nun me risponni ma io te dico la verità: io qua nun ce vojo più sta’. Perché intorno a me è pieno de gente che se domani me troverò in difficoltà me dara’ un carcio pe’ famme affonna’ e rubamme quei du stracci che me ritrovo. Perché tutti semmai dovessi fa ‘na cazzata me punteranno er dito e diranno che io faccio schifo, come se così facenno se pulirà la coscienza loro. Ma la coscienza de chi non se indigna, ma anzi esulta, davanti a un poraccio che more affogato in mare, la coscienza de questi qua nun se pulirà mai. E io a ‘sto monno nun ce vojo più sta perché la puzza de questi la sento tutti i giorni e è più forte de la puzza de chi nun se po’ lava’ perché nun c’ha 1 euro pe’ comprasse er sapone. A me ‘sto monno me fa schifo, a me pensa’ de pote’ esse scambiato pe’ uno che puzza dentro me fa campa’ male. Io preferisco morì de fame su una barca demmerda, ma co’ la speranza de ‘na vita mijore, piuttosto che legge sul telefonino che altre cinquantotto persone so’ morte perché c’è chi se diverte a gioca’ a la guerra coi gas nocivi e fa mori’ li regazzini. So’ morti unidic regazzini pe’ li capricci de quarche padrone.

– Non me risponni eh papà? Io, da quello che me dicevi, non sapevo che qua sotto faceva così schifo, perché qua papà, va sempre peggio. Da quanno te ne sei annato er monno fa sempre più schifo. E a quanto pare noi non potemo fa niente, potemo solo abituasse a ‘sto schifo, e io preferisco mori’ piuttosto che abituamme a vede’ il corpo di un ragazzino sotto un lenzuolo e pensa’ “va beh n’hanno ammazzato n’artro, è la guera”.

– Pe’ questo Tato, devi rimane’ la. Proprio pe’ questo. Pe’ fa capi’ a ‘sti poracci che so’ poracci dentro e che niente li po’ salva’, manco la morte de tutti i negri del mondo, loro sempre poracci rimarranno. Studia, continua a studia’, tanto. Leggi. E quando puoi cerca de fa capi’ a ‘sti regazzetti che così nun se sarveranno mai, raccontaje ‘na storia de le tue, raccontaje de nonno Venanzio deportato in prigionia, raccontaje de tutti l’italiani demmerda che conosci e de tutte le schifezze che noi avemo fatto nella storia. Tu devi rimane’ la, perché nel tuo piccolo devi continua’ a salvagaurda’ la memoria e il passato. Lo devi fa te, come tutti quelli che stanno vicino a te. Scrivi, leggi, racconta, parla co’ un regazzino, ascolta un vecchietto, usa tutte le armi che c’hai pe’ cerca’ de vince ‘sta battaglia. Loro c’hanno l’ignoranza, le bombe e er gas, e a breve forse pure qualcos’altro, e voi da ‘ste cose difficilmente ve potete sarva’. Potete solo prova’ a combatte co’ le armi vostre.

– Non è facile papà, so’ stanco.

– Devi lotta’ e circondate de gente che lotta co’ te. Nel piccolo, nel quotidiano, in un sorriso a un regazzino in difficolta’, in 20 centesimi a un  barbone, in un abbraccio a un’amica tua che ha superato la depressione. In ogni piccolo gesto de solidarietà se nasconne ‘na remata verso la terra ferma, un tozzo de pane, un goccio d’acqua, un vestito nuovo, una doccia, un vaccino, ‘na zanzara in meno.

– Scusa papà.

– E che te la voi cava’ così, m’hai insultato manco fossi della lazio.

– Scusa, ero arrabbiato. Comunque dije ar Gestore tuo che co’ lui so’ incazzato e che quanno nun è troppo impegnato me farebbe piacere scambiacce du’ messaggi.

– Eh sì, mo è arivato lui, che pjia e se mette a chatta’ cor Signore.

– Vabbè, ma la carità cristiana ‘ndo sta?

– Rileggi bene la notizia che hai letto stamattina, guarda le foto mejo. Ecco, davero me stai a chiede do’ sta a carità cristiana?

– Lo so Tato, non c’hai niente da di’, e io sto come te.

– Me manchi papà, me manca lotta’ co’ te.

– Pure a me, pe’ questo lotta il doppio, ché vicino ar pugno tuo troverai sempre il mio.

Ciao Tato

– Ciao Carlé

 

‘Sto monno me fa schifo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...